Skip links

A Mario Pedol di Nauta Design il riconoscimento di Altagamma

Altagamma8_OKLa Fondazione Altagamma ha insignito sette nuovi Ambasciatori dell’Eccellenza Italiana.

I nuovi ingressi sono stati gli architetti e designer Antonio Citterio, Michele de Lucchi, Massimiliano Fuksas, Piero Lissoni, Mario Pedol e gli chef Andrea Berton e Davide Scabin. Fondazione Altagamma riunisce dal 1992 le imprese dell’alta industria culturale e creativa che promuovono nel mondo l’eccellenza, l’unicità e lo stile di vita italiani. Le Imprese Altagamma sono ambasciatrici mondiali dello stile italiano, operano nei settori della moda, del design, della gioielleria, dell’alimentare, dell’ospitalità, della velocità e del wellness.

L’Altagamma Honorary Council è stato creato nel 2002 con lo scopo di rafforzare le relazioni con società e Istituzioni internazionali che hanno contribuito alla promozione della cultura Italiana dell’eccellenza e l’Italian Lifestyle nei loro paesi di origine.

Dal 2013 l’International Honorary Council di Altagamma è aperto anche a esponenti italiani di primo piano che con il loro sapere e la loro creatività contribuiscono a rafforzare la cultura italiana dell’eccellenza ed al suo riconoscimento nel mondo nei più diversi ambiti. A consegnare l’onorificenza a Mario Pedol è stato Lamberto Tacoli (a sinistra nella foto) , Vice Presidente di Altagamma e di Nautica Italiana, associazione di operatori nautici italiani affiliata ad Altagamma, e Presidente e CEO di CRN.

Questa la motivazione ufficiale: Mario Pedol è considerato unanimemente uno dei più importanti designers di imbarcazioni di alta gamma, e collabora con i più grandi cantieri navali al mondo. È suo – tra l’altro – il design esterno del più grande yacht al mondo, Azzam, un’imbarcazione di 180 metri di proprietà di un membro della famiglia reale degli Emirati Arabi Uniti. Proprio perché Mario Pedol ha portato la competenza, la pratica imprenditoriale e lo stile italiani sulle navi più belle del mondo, siamo felici di accoglierlo come Socio Onorario di Fondazione Altagamma.

Leave a comment

Name*

Website

Comment