Skip links

Anticipazioni dal Boot Düsseldorf 2o2o

Il Boot Düsseldorf, il più grande salone nautico a terra, prenderà il via questo week end e promette di essere ricco di novità. Oltre alle molte anteprime mondiali ci saranno infatti altri yacht già presentati in anteprima alle rassegne d’autunno ma non per questo meno interessanti. Eccone alcuni

Absolute Yachts

Absolute parteciperà al Boot con quattro yacht: Absolute Navetta 52, Absolute 47 Fly, Absolute 50 Fly e Absolute 62 Fly

Absolute Navetta 52

Questa Navetta planante si contraddistingue per il suo aspetto robusto ma armonioso, con un ponte superiore molto grande e delle ampie vetrate; all’interno del salone principale potrete vivere l’esperienza di una visuale a 360 e godere di un’abitabilità decisamente superiore a quella che può esprimere normalmente una barca di queste dimensioni. Il layout del ponte inferiore prevede tre cabine, due matrimoniali e una doppia, e due bagni; la cabina per il personale di bordo è equipaggiabile – previa acces­so diretto da piattaforma di poppa – con un letto e bagno.

Absolute 62 fly

La nuova “Absolute 62FLY” è la dimostrazione concreta che comfort, funzionalità e bellezza possono evolversi, crescere e incrementarsi senza richiedere un aumento di struttura e tutti i maggiori oneri che ciò comporterebbe. L’armonia di linee e funzionalità si coglie con lo sguardo e si apprezza nel comfort con cui possono essere fruiti gli spazi, capaci di accogliere 8 ospiti e accompagnarli nell’abbraccio assoluto del Mare.

Absolute 47 Fly

“The Absolute Gateway”, la 47 Fly, rappresenta il grande passo verso il mondo Absolute, quel “confine” oltre il quale si aprono nuovi scenari, nuove opportunità, nuove scoperte e nuove sfide. Un modello emblema di libertà, dinamismo e agilità che ci conduce verso orizzonti inesplorati di tecnologia e ottimizzazione degli spazi. Le dimensioni diventano relative in questa imbarcazione che offre un bagaglio di comfort e vivibilità sorprendente. Le linee ricercate fanno da cornice a un’area flybridge molto spaziosa e ben organizzata, con tutte le dotazioni possibili e un amplissimo prendisole verso prua per poter godere al meglio dei momenti all’aperto.

Arcadia Yachts
Sono trascorsi dieci anni da quando per la prima volta venne presentato al pubblico, proprio durante il Boot Düsseldorf 2010, il primo A85, introducendo così un nuovo concetto di yacht. Arcadia Yachts festeggia dunque i suoi primi dieci anni portando in Germania il suo ultimo nato Sherpa XL, che conferma il ruolo innovatore del cantiere italiano con caratteristiche tipiche del segmento 85-90 piedi e che si appresta a fare il suo debutto tedesco. 

Lo Sherpa XL, successore di Sherpa, rappresenta un ulteriore passo nel processo di sviluppo della filosofia Arcadia, dando il via a un’ulteriore linea di yacht che si affianca alla storica linea A.

Gli spazi a bordo del nuovo Sherpa XL  sfruttano appieno non solo i suoi 24 metri di lunghezza, ma anche e soprattutto il baglio di circa 7 metri – rispetto ai 6,4 metri di media dei prodotti nella categoria 85-90 piedi presenti sul mercato – offrendo così un’incredibile superficie complessiva di 220 metri quadri di aree sempre vivibili interne ed esterne grazie alla presenza del garage laterale.

Il concept dello Sherpa XL si sviluppa intorno alla disposizione dei ponti. Quelli di prua sono sfalsati, così da sviluppare un blocco scale centrale caratterizzato da dislivelli ridotti, un gioco di incastri particolare che, oltre a ottenere grandi spazi pur con un’altezza totale contenuta, ha permesso di giocare con i volumi. 

Azimut Yachts
Sei le barche che Azimut porterà quest’anno a Düsseldorf: il Grande S10, ammiraglia della Collezione S, che con i suoi quasi 29 metri sarà lo yacht più grande che il brand abbia mai portato al Boot, una nuova versione dell’S6, gli Azimut 78 e 72 della Collezione Flybridge, l’Atlantis 45 e il Magellano 53.

azimut Grande S10

Oltre all’Azimut Grande S10 che ha sbaragliato tutti i salone di settembre, l’altra novità della fiera tedesca sarà l’S6 Sportfly, una nuova versione dell’S6, il modello di grande successo oggetto di una famosa installazione la scorsa primavera in Times Square. Pur mantenendo intatto il DNA sportivo della collezione, la barca si arricchisce di un’ampia e godibile area lounge aggiuntiva sul tetto della tuga. Al flydeck, dove è presente una seconda timoneria, si accede attraverso una scala a scomparsa. 

Azimut S6 Sportfly

Anche il 72 Flybridge, infine, viene presentato con un nuovo progetto di interni che riafferma gli stilemi del brand: linee morbide accompagnano elementi distintivi come i cielini, mentre le superfici si arricchiscono grazie ad un gioco di contrasti fra legni spazzolati e materici impreziositi da dettagli di mogano lucido. Un importante intervento di illuminotecnica, di valenza sia estetica sia funzionale, caratterizza i cielini dell’imbarcazione, mentre gli esterni si rinnovano grazie al nuovo design delle finestrature adesso più affusolate. 

Besenzoni
Anche quest’anno Besenzoni sarà presente al Boot con la sua collezione Unica, una gamma molto ampia di soluzioni per superyachts, prodotti di altissimo livello qualitativo pensati per poter offrire la massima personalizzazione. 

Protagoniste saranno le passerelle, molto richieste dalla clientela del boot. Il range della produzione di serie è trasversale e va dalla passerella manuale basica ed essenziale, all’alta gamma delle passerelle rientranti con movimentazione idraulica passando per le passerelle idrauliche esterne, e le esterne girevoli progettate per il duplice utilizzo di passerella e gru per varo/alaggio di tender e water toys. 

In esposizione anche le poltrone pilota, di cui Besenzoni è leader di settore, caratterizzate da una spiccata flessibilità progettuale e da tecnologie produttive di ultima generazione. Rendono possibile l’offerta di soluzioni “su misura” in grado di soddisfare gli armatori più esigenti e mantenere l’essenza delle evoluzioni stilistiche di architetti e progettisti.

DutchCraft
Debutto mondiale a Düsseldorf per il DutchCraft 25 un tender a propulsione elettrica realizzato in fibra di carbonio e contraddistinto da una grande versatilità. Può infatti essere usato indifferentemente come sport fisher,  come tender passeggeri, come barca appoggio per le immersioni e anche come tender per megayacht. La modularità delle sue sedute che possono essere mosse grazie a due rotaie consente infatti di liberare completamente il pozzetto facendolo diventare grande abbastanza per trasportare i toys di bordo, la cambusa e persino un’automobile.

Ferretti Group
Ferretti Group sbarca a Düsseldorf con una flotta di 6 yacht. Due le première: Riva Dolceriva, che debutta per la prima volta sul mercato tedesco e, in anteprima mondiale, un modello Pershing tra i 50 e i 70 piedi, della generazione X. Le due première saranno affiancate da alcuni modelli di grande successo del Gruppo: Ferretti Yachts 670 e Ferretti Yachts 780, Riva 90’ Argo, 48’ Wallytender

Riva Dolceriva
Nato dalla collaborazione fra Officina Italiana Design e Ferretti Group Dolceriva è lungo 14,92 metri (48 ft) per un baglio massimo di 4,26 metri (14 ft).

Riva Dolceriva

L’ultima, esaltante, creatura Riva è un open di 48’ concepito a tutti gli effetti per vivere la vita di bordo in un comfort senza eguali. L’obiettivo è sfidare la fascia di mercato con alcuni punti di forza senza precedenti: un nuovissimo design degli esterni sviluppato da Officina Italiana Design, che inaugura un nuovo corso stilistico per tutte le imbarcazioni Riva; il massimo sfruttamento di tutti gli spazi a bordo; una emozionante ricchezza di dettagli che gioca di rimando e di citazione con l’incomparabile heritage del marchio.

Pershing Generation X
Frutto della collaborazione fra lo studio di design di Fulvio De Simoni e Ferretti Group, l’ultimo nato della Generazione X amplia l’attuale gamma del marchio, inserendosi nel segmento di mercato sopra i 20 m come prodotto competitivo che rappresenta un’evoluzione sia dal punto di vista stilistico-funzionale sia da quello prestazionale.
La fibra di carbonio, il materiale di costruzione primario, ha ispirato il concept di un progetto che punta a un maggiore alleggerimento anche tramite varie soluzioni costruttive. 

Gulf Craft

Majesty 140

In collaborazione con Drettmann International, il suo dealer tedesco, Gulf Craft porterà al Boot i modelli in scala di molti suoi yacht tra cui i Majesty 140, 122 e 100 e il Nomad 75 Suv.

Invictus Yachts
Prima mondiale al salone tedesco per la nuova GT 320 Atelier. Si tratta di una versione speciale di uno dei modelli iconici di Invictus: l’armatore ha infatti richiesto una particolare ed elegante combinazione di colori, con lo scafo nero lucido e fiancate Personal White, mentre per le tappezzerie del pozzetto la scelta è ricaduta sull’allestimento Eclipse, basato anch’esso sul contrasto di similpelle nera e panna con schienali in tessuto avorio che creano un effetto di lino naturale.

La prua semirovescia, tratto stilistico distintivo della gamma, è stata elaborata per conferire un ulteriore senso di eleganza. A enfatizzare questo tratto il pulpito a sezione ovale che corre lungo tutta la lunghezza della barca, sottolineando il bordo superiore fino a incontrare la spiaggetta poppiera.

Per la prima volta al Boot ci saranno anche la CX270 e la GT280S, entrambe con motorizzazione fuoribordo.

Lomac
Lomac sarà a Düsseldorf con cinque modelli appartenenti a quattro delle sue gamme.
Della linea Adrenalina ─ dedicata a una fascia medio-alta del mercato e composta da maxi rib lussuosi dalla linea sportiva, pulita e innovativa ─ è stato scelto Adrenalina 8.5, il cui design aggressivo è firmato da Federico Fiorentino. Progettato per una navigazione veloce, è dotato comunque di un alto livello di comfort per i momenti all’àncora. 

Adrenalina 8

ella gamma IN verranno esposti due esemplari. L’850 IN ─ ideato per le famiglie ma adatto ad armatori alla ricerca di prestazioni elevate ─, dispone di un tavolo con gamba telescopica, nell’area di poppa, che può essere trasformato in un prendisole, di una seduta con lavandino e di un locale toilette o stivaggio, mentre a prua ci sono un’altra seduta e un gavone.

LOMAC 850 IN

Il tendalino è abbinato a roll-bar in vetroresina e può essere esteso per coprire la zona di prua. 710 IN, con i suoi 7 metri di lunghezza, si caratterizza invece per il prendisole a prua di 175 cm di lunghezza, mentre la consolle al suo interno nasconde un locale spogliatoio con wc e il divanetto di poppa può trasformarsi in un prendisole per due persone. La potenza massima installabile è di 200 cavalli.

Della gamma CLUB è stato scelto il 430 (4,37 metri di lunghezza per 1,91 di larghezza fuoritutto), progettato per garantire a chi naviga per lavoro il massimo dell’affidabilità e delle prestazioni. L’ultimo rib presente al Salone tedesco, infine, sarà il 300 LX, che fa parte del gruppo di modelli nati come tender ma ideali anche per il piccolo diporto costiero o per le acque interne.

Mangusta
Mangusta porterà a Düsseldorf il modellino del suo ultimo progetto, il Mangusta Sport 104 disegnato da Igor Lobanov. Ripensare un classico, uno yacht che ha fatto la storia dei maxi open come il Mangusta è tutt’altro che semplice. Eppure sono bastate tre linee a Igor Lobanov per disegnare il più bel Mangusta Open mai visto.

Uno scafo che emana uno charme irresistibile. Il suo exterior design è essenziale e talmente filante che, anche da fermo, dà l’idea della velocità.

L’innovazione stilistica più evidente è nel design delle murate, dove ampie finestre lasciano entrare la luce naturale nella suite armatoriale e nelle cabine ospiti e diventano un elemento distintivo di questo modello.

Le vetrate sono totalmente integrate, un vero capolavoro ingegneristico. Altri elementi distintivi sono il portellone di poppa con il suo design accattivante che enfatizza il profilo aggressivo dello yacht, e il sundeck che è perfettamente integrato e che si snoda attorno all’arco radar.

Nerea Yacht
A un anno esatto dal suo debutto mondiale proprio in Germania, Nerea Yacht torna a Dusseldorf per presentare il suo NY24 in una veste completamente nuova, e per offrire al pubblico lo sviluppo in tre versioni del capostipite della gamma: Deluxe, GT e Limo.

La nuova veste dell’NY24 Deluxe è la livrea “dark bronze”, realizzata con colori caldi e metallici. Firmata dai designer liguri Alessio Battistini e Davide Bernardini dello studio ideaeITALIA,la gamma NY24 è un concentrato di design moderno, finiture eleganti e grande vivibilità degli spazi.

Palm Beach GT50 open
Prima tedesca per il GT50 Open del cantiere Palm Beach dopo il successo della world premiere a Miami nel febbraio scorso. Barca palesemente dedicata alla vita all’aria aperta, il GT50 mescola sapientemente design, eleganza e performance.

Grazie all’uso generoso della fibra di carbonio, lo scafo ha un peso decisamente contenuto il che, unito all’efficienza della carena, lo portano a volare sulle onde a più di 40 nodi.

Le linee esterne sono classiche, eleganti e sportive e sono caratterizzate dal grande rollbar centrale e dall’ampia spiaggetta di poppa. Sul ponte esterno trovano spazio, oltre alla timoniera, anche una zona pranzo a centro barca e una relax a poppa. Sottocoperta c’è invece spazio per una master a prua e per una cabina ospiti a centro barca oltre a bagno e cucina.

Sanlorenzo
SL96Asymmetric è la nuova audace proposta di Sanlorenzo in anteprima mondiale a Boot Düsseldorf.

SL96Asymmetric

Continuando e consolidando il percorso avviato lo scorso anno con SL102Asymmetric, il primo yacht asimmetrico al mondo, Sanlorenzo conferma con questo nuovo progetto la propria particolare attitudine nel lavorare sul concetto di spazio plasmandolo ogni volta a suo piacimento per dare vita a proposte cucite sui desideri degli armatori.

Con l’obiettivo di ottenere una maggiore fruibilità degli spazi interni e una migliore comunicazione con l’esterno, SL96Asymmetric ripensa infatti il layout canonico di uno yacht, mantenendo il solo passavanti sul lato di dritta ed eliminando quello sinistro, che viene portato sul tetto della sovrastruttura, consentendo attraverso questa configurazione asimmetrica, mai sperimentata prima, di recuperare circa 10 metri quadrati di superficie a favore degli ambienti interni.

Una proposta che permette così di offrire, rispetto ad un layout tradizionale, maggiore spazio, luminosità, relax e una migliore flessibilità d’uso.

SL96Asymmetric

Se il lato di dritta presenta un passavanti che conduce senza ostacoli dal pozzetto di poppa al living di prua, lungo il quale l’impavesata in corrispondenza del salone si apre per formare una terrazza, (soluzione che Sanlorenzo applicò per primo sul superyacht 40Alloy nell’ormai lontano 2008), il lato di sinistra invece si presenta come quello di uno scafo wide body: la murata è infatti continua dalla linea di galleggiamento al flying bridge poichè il passavanti, ricavato sul tetto della sovrastruttura  fiancheggia allo stesso livello il flying bridge, per scendere nell’area dinette e prendisole di prua tramite una scala. Sempre sul lato sinistro, all’altezza della zona dining, una parte della murata si abbassa elettricamente ampliando così la vista panoramica verso l’esterno. 

SL96Asymmetric_Main Deck_Salon

Il progetto di interior è curato dall’Arch. Laura Sessa scelta per la sua capacità di tradurre nel progetto, attraverso il suo tocco personale, la filosofia “made-to-measure” di Sanlorenzo.

Sanlorenzo SX76

In esposizione ci sarà anche l’SX76.

Solaris Power
Dopo il successo del 55 Lobster e del 48 Open, con diverse unità già vendute prima della loro presentazione ufficiale a Cannes, Solaris Power presenta il nuovo 48 Lobster Flybridge che, come i modelli precedenti, è una barca molto tecnica che dà priorità alla tenuta di mare, alla funzionalità, alla sicurezza e alla marinità. 

Il nuovo Solaris Power 48 Lobster Flybridge è stato concepito dallo stesso straordinario team che ha sviluppato i modelli precedenti con Norberto Ferretti, Brunello Acampora e Giuseppe Giuliani. Presenta una serie di unicità rispetto ai modelli della concorrenza della stessa tipologia e offre comfort e vivibilità superiori sia negli spazi interni che esterni.

L’imbarcazione è dotata di tecnologia propulsiva Volvo IPS di ultima generazione, perfettamente integrata con le forme della carena, una soluzione progettuale che rappresenta un unicum nella nautica da diporto in questo segmento. 

Può navigare sia a bassa velocità in dislocamento sia con velocità di punta superiori a 30 nodi, al contrario delle normali carene plananti. Questa caratteristica consente di affrontare anche lunghi trasferimenti in condizioni meteorologiche avverse, in totale sicurezza e grande autonomia. 

Tecnorib
Il Boot è la location scelta per la première mondiale del PIRELLI 42, un walkaround dal look sportivo con dettagli raffinati lungo 13,10 metri e progettato in collaborazione con il celebre studio svedese Mannerfelt Design Team e pensato come imbarcazione versatile, destinata sia all’uso giornaliero sia come chase boat o imbarcazione per crociere di medio corso.

Provvisto di prendisole a prua e poppa, zona giorno con tavolo esterno e un sottocoperta con dinette trasformabile e bagno, questo walkaround è caratterizzato dal connubio tra performance, comfort e design. Con questo nuovo modello, dalle linee aggressive ma con dettagli pregiati, TecnoRib firma l’inizio non solo di una stagione nautica che si annuncia ricca di successi, ma anche un rinnovamento della propria gamma, che sarà caratterizzata da grandi spazi e notevole attenzione al design.

Wally
Sbarco tedesco per il 48Wallytender. Lo scafo, di cui sono già state vendute sette unità, offre ampi spazi in coperta e volumi interni generosi senza però intaccare quegli stilemi, come il parabordo che contorna tutto lo scafo, che distinguono il design Wally, sintesi di forma e funzione.

48Wallytender

Gli spazi esterni prevedono comode sedute, ampi prendisole e una zona pranzo servita da una cucina attrezzata. Le sezioni di murata a poppa della barca abbattibili su entrambi i lati sono in dotazione standard, come pure la passerella retrattile, che si trasforma in una pratica scaletta di accesso al mare. 

 sedili di poppa possono essere rivolti sia verso prua che verso il tavolo da pranzo. Negli interni, il 48 Wallytender offre una suite completa dai grandi volumi, vincendo la scommessa di alzare il bordo libero senza intaccare la purezza delle linee dello scafo. 

La motorizzazione standard prevede due Volvo IPS 650 – 960 hp totali, per una velocità massima di 38 nodi, ed è dotata di un joystick di manovra per facilitare le fasi d’ormeggio.

Leave a comment

Name*

Website

Comment