Skip links

Dietro le quinte del design di Nauta per il Southern Wind 105GT Taniwha

Nauta Design ha disegnato esterni e interni del nuovo Southern Wind 105 GT Taniwha facendo tesoro della precedente esperienza e creando uno stile seducente e innovativo, Consegnata quest’estate, ha debuttato al recente Monaco Yacht Show  dove ha raccolto consensi da tutto il settore.
È stato un progetto impegnativo e stimolante per il quale  Nauta ha interpretato il brief dell’armatore  personalizzando la versatile piattaforma SW105 e Southern Wind ha affrontato come sempre al meglio questa sfida. Lo studio milanese aveva già disegnato le linee di coperta e gli interni per i tre precedenti scafi di questa gamma “smart custom” di Southern Wind.

©Rob Kamhoot

“Quando Southern Wind ci ha presentato agli armatori, abbiamo ascoltato con attenzione tutti i loro desideri e indicazioni e abbiamo avuto immediatamente l’ispirazione”, afferma il co-fondatore di Nauta Massimo Gino. “Abbiamo dato vita a una versione della barca più elegante, sportiva e ispirata al design automobilistico, con un nuovo progetto della coperta che – insieme al cantiere Southern Wind – abbiamo battezzato “Gran Turismo”. Abbiamo capito di aver compreso e rispettato il brief degli armatori vedendo il loro entusiasmo durante la presentazione del nostro nuovo disegno per questo SW105 GT.”

©Rob Kamhoot

Southern Wind ha esaminato attentamente ogni elemento del design al fine di risparmiare peso nel modo più efficiente possibile, consegnando uno yacht che disloca meno del più veloce SW105 realizzato fino ad oggi, senza comunque  limitare il comfort tipico di un superyacht. 
“Volevamo risparmiare peso in modo intelligente. Per ogni chilogrammo di risparmio di peso abbiamo proposto un rating. Risparmiare peso in alto è la soluzione ottimale, con un forte beneficio in termini di distanza dal baricentro” afferma Andrea Micheli, Direttore Commerciale del cantiere Southern Wind.

©Rob Kamhoot

Nauta ha ridisegnato completamente la coperta per creare un senso di velocità. Una falchetta  più bassa, una tuga slanciata e un pozzetto più ampio e meno profondo: tutto è stato combinato ottenendo un grande risultato.
“Questo nuovo design della coperta ha un aspetto innovativo e pulito che si ispira anche ai metodi di costruzione del composito a sandwich e allo stile delle barche da regata”, afferma Gino. “Il risultato finale è uno yacht che combina un potente piano velico e una costruzione leggera con tutti i comfort di un bluewater cruiser”. 

©Rob Kamhoot

Questa soluzione ha anche creato alcune interessanti opportunità, che Nauta ha sfruttato appieno. Lungo il paramare del  pozzetto, realizzato su un unico livello, Gino ha immaginato che il  teak salisse dal ponte laterale sul fianco del paramare e sulla sua seduta, mostrando lo spessore del composito con una spessa seduta di teak sospesa sul pozzetto.  Oltre a creare un  pratico e comodo punto di appoggio sia esternamente che internamente, si è creato un punto di riferimento estetico coerente col resto delle geometrie GT:  una struttura  in composito, con anima di nomex e rivestimento esterno  in teak. Si unisce perfettamente alla murata, quindi si piega per correre parallelo alla coperta e sembra “volare”  sul pozzetto, ottenendo di giorno un grande effetto visivo , e ancora più speciale di sera, quando si svela una stringa nascosta di luci a LED.

©Rob Kamhoot

L’attenzione dell’armatore per ogni aspetto del design è stata essenziale per ottenere degli  interni armoniosi ed equilibrati. Il brief degli armatori era molto chiaro: una connessione olistica tra interni ed esterni, che si esprimesse in tutto lo stile sottocoperta, sobrio, pulito, leggero come il design della coperta. Per l’arredamento degli interni si sono utilizzati materiali naturali e sostenibili e ogni dettaglio è stato disegnato  con estrema cura per essere  “over the top” e definire così un nuovo riferimento nell’interior design.

©Giuliano Sargentini

Il tambuccio principale trasparente, affiancato da vetri che permettono una connessione visiva con l’esterno, crea una  comunicazione diretta e  una continuità  tra interni ed esterni.
Dalla posizione del timoniere in coperta, si possono vedere gli interni  fino alla sala TV e anche oltre. Allo stesso modo, dalla cabina armatoriale è possibile affacciarsi e vedere cosa succede nel pozzetto di poppa. Il design e la geometria degli interni seguono le curve naturali dello scafo piuttosto che cercare di  nasconderle  dietro gli angoli a 90 gradi dei classici mobili. Questo approccio è visibile chiaramente nella cabina armatoriale a prua e nelle due cabine ospiti a poppa.

©Rob Kamhoot

Le cabine sono dotate di mobili a murata “sospesi”, belli e funzionali, e  che mostrano, invece di nascondere, la vera forma dello scafo sottostante. I letti sono “sospesi”, con sommier inclinato, aumentando così la superficie calpestabile e armonizzandosi alla forma dello scafo. 
Negli interni il  teak  è stato desaturato e trattato ad  olio dal cantiere costruttore per creare una finitura piacevole al tatto e alla vista. “È bellissimo”, dice Gino. “Caldo e luminoso, piacevole alla vista e morbido al tatto. La combinazione del pavimento chiaro e dei pannelli a parete rivestiti in tessuto dona luminosità e pace agli interni.”

©Giuliano Sargentini

I grandi bagni sono caratterizzati da lavabi e superfici trattate in resina modellata a mano, appositamente creata  da esperti artigiani italiani per richiamare lo “stucco italiano” in una versione “concrete”. Il salone principale include uno splendido  controsoffitto ribassato, finito in  teak  che incornicia lo skylight, in modo che si  enfatizzi  l’abbondante luce naturale e l’altezza creando un senso di accogliente comfort.

©Rob Kamhoot

I tavoli in teak del salone a tutto baglio hanno una duplice funzione: in posizione rialzata vengono utilizzati  per servire il pranzo, mentre in posizione abbassata diventano “coffee tables”. Anche i tavoli sono progettati per sembrare leggeri e “sospesi”  utilizzando un piano che mostra bordi sottili con intarsi in metallo, riecheggiando l’effetto visto altrove sulla barca. Gli interni di Taniwha sono all’avanguardia e rappresentano l’ultimo passo nella più recente fase evolutiva del design dei superyacht a vela. “In questo yacht si trovano molte delle nostre innovazioni di design combinate in modo particolarmente coerente, così da abbinarsi perfettamente con lo stile GT degli esterni. Gli interni e gli esterni parlano la stessa lingua, in modo olistico” dice Gino.
Lo stile di vita degli armatori  ha conferito a tutto lo yacht un gusto sobrio ed elegante.

Leave a comment

Name*

Website

Comment