Skip links

Marche Yachting & Cruising

Fare squadra. È questo il principio fondante sul quale è nata l’Associazione Marche Yachting & Cruising (MYC). Istituita lo scorso anno oggi è diventata una realtà che riunisce sotto un unico guidone le più importanti realtà industriali marchigiane impegnate in quella che si può definire l’industria del mare.

Acaia di Cantiere delle Marche

L’ iniziativa, promossa con il supporto della Regione Marche e della Camera di Commercio delle Marche, ribadisce il ruolo strategico che la cantieristica navale e, più nel dettaglio il comparto nautico e relativa filiera, ricoprono per l’intera regione.  Scorrendo l’elenco delle aziende presenti si può toccare con mano la portata e le ambizioni dell’Associazione. Sono realtà del calibro di CRN Ferretti Group, ISA/Palumbo Superyachts, Cantiere delle Marche, Wider, CPN e Cantiere Rossini (Lisa Group), FM Architettura di Interni, LP Luxury Projects, Massari Design. A questi si aggiungono anche firme del design e dell’arredo come Poltrona Frau e Cantori, mentre sul fronte dei produttori di componentistica spiccano i nomi di Team Italia, AMS Advanced Mechanical Solutions, SailADV, Corset/Linset, Furlanetto International, Marine Shore Assistance e Videoworks. Spazio anche alla didattica e alla formazione, un ruolo questo ricoperto dalla presenza dell’Università Politecnica delle Marche.

Isa Yachts 65 metri Reselience

Non è un caso. Proprio la formazione ha avuto un ruolo centrale per dare vita a una classe imprenditoriale che ha permesso nei decenni a questa regione di diventare un modello di riferimento. Così come non è un caso che artefice di quello che poi venne riconosciuto come “modello marchigiano” fu un personaggio del calibro di Giorgio Fuà al quale, tra i tanti meriti, spetta anche quello di aver dato vita a una realtà come il Politecnico delle Marche. Già, le Marche. E’ l’unica regione al plurale nella geografia dell’Italia quasi a voler rilanciare una capacità innata di questo territorio nel saper dare il meglio di sé su molteplici fronti. E tra questi rientra a pieno titolo anche, e soprattutto, il settore nautico le cui radici hanno trovato proprio qui un terreno fertile sul quale crescere. A iniziare proprio da il Cantiere delle Marche che non solo ha avuto il merito di dare vita a un fenomeno di tendenza come quello degli explorer yacht ma in soli 12 anni di attività è diventato leader a livello mondiale in questa nicchia di mercato. Senza contare poi cantieri quali CRN marchio del Ferretti Group, ISA cantiere della divisione Palumbo Superyachts, e Wider il cui contributo ha permesso alla cantieristica italiana di conquistare il primato mondiale nel comportato dei superyacht.

CRN RIO 62m

Ma il made in Marche passa anche per l’estro e la creatività messe in luce da firme del design quali  FM Architettura d’Interni, LP Luxury Project e Massari Design che hanno avuto il merito di mettere la loro firma su tanti progetti di grandi yacht. C’è poi l’innovazione terreno questo sul quale spiccano le creazioni hi-tech come le plance di comando di Team Italia o i sistemi di domotica, audio/video, entertainment firmati da Videoworks. Non ultimo il Cantiere Rossini che si sta conquistando uno spazio sempre più importante in chiave refit. 

Il Cantiere Rossini a Pesaro

Il debutto ufficiale di Marche Yachting & Cruising avverrà in occasione di EXPO Dubai. Una scelta che se da un lato punta a beneficiare della grande visibilità garantita da questa importante vetrina; dall’altro invece vuole sottolineare l’importanza che ricoprono i mercati internazionali. Una partita questa nella quale il cluster marchigiano gioca indubbiamente le sue carte migliori. Senza contare poi che proprio questa area geografica è attualmente considerata un riferimento imprescindibile per la nautica come conferma l’importanza acquisita negli anni dal Dubai Yacht Show. A livello istituzionale a tenere battesimo l’Associazione il 21 febbraio, nella giornata che inaugura la settimana delle Marche nell’ambito di Expo Dubai, ci saranno gli interventi del Vice Presidente della Regione Marche, Mirco Carloni, e del Presidente di Tecne Azienda Speciale della Camera di Commercio delle Marche, Moreno Bordoni. Primo passo ufficiale per una realtà destinata a dare lustro alle eccellenze italiane e ancora di più al made in Marche. 

Matteo Zaccagnino

Leave a comment